IT | EN

POLITO SERRAMENTI SPA
Via Dell'Industria, 4
25010 BORGOSATOLLO (Bs) Italy
Tel. (+39) 030 2500909 r.a.
Fax. (+39) 030 2703187
info@politospa.com


---

Cod. Fisc. e P.IVA IT 00449120179
Cap. Soc. Euro 258.230,00 i.v - N.Mecc BS 048949
N. iscriz. R.I. di Brescia 00449120179 - REA n. 169202

NEWS

Appalti verdi nella pubblica amministrazione

2017-02-13

Entra in vigore oggi 13 Febbraio 2017 il D.M. 11 Gennaio 2017 che adotta i Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione. Questo decreto Il s’inserisce nel Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN GPP) finalizzato alla riduzione degli impatti ambientali degli interventi di nuova costruzione o ristrutturazione/manutenzione degli edifici e per aumentare il numero di appalti verdi.

 

Di particolare importanza è il collegamento tra questo decreto e il Nuovo Codice degli Appalti (D.Lgs n.50 del 18/04/2016).

 

Il nuovo Codice degli Appalti ha introdotto, di fatto, l’obbligo per le stazioni appaltanti di applicare i criteri ambientali minimi così come evidenziato nell’ Art 34. recante «Criteri di sostenibilita' energetica e ambientale» che stabilisce l'introduzione obbligatoria nei documenti progettuali e di gara dei criteri ambientali minimi e che ne disciplina le relative modalita', anche a seconda delle differenti categorie di appalto.

 

I criteri inseriti nel D.M. 11 Gennaio 2017 si suddividono in criteri ambientali di base e criteri ambientali pre miali. Il documento specifica che un appalto può essere definito “verde” dalla PA (ai sensi del PAN GPP) se include almeno i criteri di base. Le stazioni appaltanti però sono invitate ad utilizzare anche i criteri premiali quando aggiudicano la gara con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

 

Tra i criteri ambientali di base c’è quello della selezione dei candidati; secondo questo criterio l’appaltatore deve dimostrare la propria capacità di applicare misure di gestione ambientale, conformemente alle normative vigenti.

 

Vengono forniti i criteri minimi sia per gruppi di edifici che per singoli edifici. Tra le specifiche tecniche dei gruppi di edifici: l’inserimento naturalistico paesaggistico, la sistemazione delle aree verde e il mantenimento della permeabilità dei suoli.

 

Alcune specifiche tecniche dei singoli edifici interessano direttamente l’involucro edilizio e, nello specifico, i serramenti e/o i materiali/componenti: la prestazione energetica, la protezione solare e il comfort acustico.


Maggiori approfondimenti al link http://www.unicmi.it/notizie/ultime/appalti-verdi.html


Scarica l'allegato


Pubblicata la nuova UNI 11463 - Procedura di calcolo per la determinazione della capacità portante di tamponamenti vetrati

2017-02-12

Superata la fase di inchiesta pubblica, è stata pubblicata con entrata in vigore dal 20 Dicembre 2016, la norma UNI 11463 ”Vetro per edilizia - Determinazione della capacità portante di lastre di vetro piano applicate come elementi aventi funzione di tamponamento - Procedura di calcolo”. Essa sostituisce la precedente edizione del 2012.

 

La UNI 11463, quale naturale revisione della precedente versione UNI TR 11463, è nata con lo spirito di fornire delle indicazioni utili ai progettisti e ai produttori/trasformatori di elementi in vetro, utilizzando l’esperienza acquista con l’applicazione della precedente versione e colmando la parziale carenza normativa evidenziatasi a livello europeo.

 

La norma UNI anticipa infatti (similmente a quanto già fatto in altri paesi europei) i contenuti delle future norme europee (attualmente allo stadio di progetto di norma) prEN 16612 e prEN 16613, in attesa anche che si completino i lavori del CEN TC 250 che sta elaborando un nuovo Eurocodice proprio sull’impiego del vetro. Nell’ambito delle costruzioni.

La norma UNI 11463 si applica a lastre di vetro piano vincolate su almeno due lati con funzione di tamponamento proponendo principi di calcolo per la determinazione della capacità portante delle lastre vetrate alle azioni e della sollecitazione indotta dai carichi agenti.

 

Rientrano nell’ambito di applicazione quindi gli elementi vetrati delle facciate continue e dei serramenti mentre sono escluse le lastre curve o lastre piane utilizzate quali strutture principali o secondarie in cui gli elementi vetrati assolvono funzione portante e non mera chiusura (es. travi, solai, pinne strutturali ecc.).


Scarica l'allegato


Detrazioni del 65% per riqualificazione energetica prorogate fino al 31 dicembre 2017

2017-01-01

Confermata la proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2017, dell’Ecobonus 65% sugli interventi di riqualificazione energetica delle singole unità immobiliari con le medesime regole valide nel 2016. Gli incentivi interventi di riqualificazione energetica nei condomìni saranno invece validi per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021. Questi bonus saranno graduati in base all’entità dei lavori e ai risultati raggiunti. Si partirà dal 65%, come nelle singole abitazioni, ma si potrà salire al 70% se l’intervento interessa almeno il 25% dell'involucro edilizio, ad esempio quando si dota l’edificio del cappotto termico. Gli incentivi potranno arrivare al 75% nel caso in cui l’intervento porti al miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva. Le detrazioni saranno calcolate su un ammontare delle spese fino a 40mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. Il rimborso avverrà in 5 anni anziché in 10.

Per approfondimenti visitare il link http://www.unicmi.it/notizie/ultime/approvata-la-legge-di-bilancio-2017.html


Scarica l'allegato


12345